De Paoli Emma. L’altare della cappella della Sindone: fonti, documenti e analisi del degrado.

Dalla curiosità di comprendere la particolare ubicazione del duomo di Torino, in quanto apparentemente non del tutto centrale, come avviene invece in altre città italiane.
Da qui si è sviluppata una ricerca storica che affonda le radici nel nucleo centrale romano della città piemontese per poi giungere al ducato savoiardo e alle vicende della sua più importante reliquia: il Santissimo Sudario.
Sono state infine, approfondite le vicende dell’oggetto sacro, utilizzato come legittimazione del potere ducale prima e regio poi, giungendo alla costruzione della cappella e del suo altare. Senza questo processo deduttivo non sarebbe stato possibile avere uno sguardo unitario sull’altare che necessariamente si lega alla cultura, alla storia e all’architettura del tempo e del luogo.

Vedi allegato: L altare della cappella della Sindone